I NOSTRI SERVIZI

BONIFICHE AMBIENTALI

Pronto intervento ambientale e bonifiche serbatoi interrati

SCOPRI 

BONIFICHE AMIANTO

Attività di rimozione e smaltimento amianto

SCOPRI

GESTIONE RIFIUTI

Analisi e smaltimento rifiuti

SCOPRI

CONSULENZA E FORNITURA

Adempimenti normativi e prodotti

SCOPRI

 

27 maggio 2020

Proroga al 30 giugno 2020 dei termini per la presentazione delle domande per i contributi rimozione e smaltimento amianto da edifici privati adibiti ad uso residenziale 

Con la Legge Regionale del 1 aprile 2020 art. 1, comma 1 recante ''Ulteriori misure urgenti per far fronte all'emergenza COVID-19'' la Regione Friuli Venezia Giulia ha prorogato i termini per la presentazione delle richieste di contributi da parte dei soggetti privati per la rimozione e lo smaltimento o il solo smaltimento dell'amianto dagli edifici di proprietà privata adibiti a uso residenziale. 

Le domande di contributo potranno essere caricate previa registrazione utilizzando l'applicativo informatico FEGC a partire dal 22 aprile e fino alle ore 18.00 del 30 giugno 2020.

Ricordiamo che possono beneficiare del contributo:

1)  Il proprietario o comproprietario dell'immobile oggetto dell'intervento
2) Il locatario, comodatario, usuffruttuario o titolare di altro diritto reale di godimento sull'immobile oggetto dell'intervento
3) I condomini costituiti per la maggioranza (calcolata in base ai millesimi di proprietà) da unità abitative ad uso residenziale

 

Il contributo è concesso nella misura del 50% delle spese ammissibili per un massimo di 1500 euro. Nel caso in cui il beneficiario sia un condominio, fermo restando il limite del 50% della spesa ammissibile, l'importo massimo che può essere concesso è dato dal  prodotto di 1500 euro per il numero di unità abitative a uso residenziale presenti nel condominio. 

Per avere maggiori informazioni sulla corretta modalità di presentazione della domanda di contributo è disponibile la pagina http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/ambiente-territorio/valutazione-ambientale-autorizzazioni-contributi/FOGLIA41/.

 

 

15 maggio 2020

Impresa Sicura: Bando per rimborsi mascherine e DPI

Come stabilito dall'Articolo 43 comma 1 del Decreto Legge Cura Italia 17 marzo 2020 n. 18, è stato pubblicato da Invitalia  'Impresa Sicura' il Bando per l'accesso al rimborso delle spese sostenute dalle Imprese per l'acquisto di Dispositivi di Protezione Individuale.

Al Bando possono partecipare tutte le imprese indipendentemente dalla forma giuridica e del settore economico e rimborserà il 100% delle spese ammissibili, fino ai limiti di 500 euro ad addetto per il quale i DPI sono previsti e un massimo per ogni impresa di 150 mila euro.

Le spese ammissibili sono quelle sostenute a partire dal 17 marzo 2020 e fino alla data della presentazione della domanda, documentate con fatture e riguardano:

- mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3; guanti in lattice, in vinile e in nitrile;

- dispositivi per protezione oculare;

- indumenti di protezione quali tutte e/o camici;

 -calzari e/o sovrascarpe;

- cuffie e/o copricapi;

- dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;

- detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici;

La presentazione avviene in tre fasi:

1) Presentazione della richiesta di rimborso a partire dalle ore 09.00 alle 18.00 dal lunedì al venerdì a partire dall' 11 maggio fino al 18 maggio 2020 con procedura informatica resa disponibile nella pagina dedicata all'indirizzo https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/emergenza-coronavirus

2) Sul sito di Invitalia seguirà la pubblicazione dell'elenco in ordine cronologico di arrivo delle imprese ammesse alla presentazione della domanda di rimborso.

3) La domanda di rimborso dovrà essere compilata dalle ore 10.00 del 26 maggio alle ore 17.00 dell' 11 giugno 2020 sempre attraverso procedura informatica attivata sul sito web dell'agenzia

Le attività di erogazione del rimborso saranno avviate subito dopo la  conclusione della fase di compilazione e i versamenti verranno effettuati entro il MESE DI GIUGNO 2020.

 

 

 

SANIFICAZIONE CON GENERATORE DI OZONO

L’esposizione di interi ambienti ad alte concentrazioni di ozono risulta essere un metodo molto efficace per combattere virus o batteri. Il trattamento con ozono è metodo particolarmente indicato ed economico per la disinfestazione di ampie aree poiché il gas ozono si diffonde rapidamente e uniformemente in tutto l’ambiente, anche nelle zone che non sono facilmente raggiungibili dai disinfettanti convenzionali.

L’OZONO E’STATO RICONOSCIUTO DAL MINISTERO DELLA SALUTE (PROTOCOLLO N. 24482 DEL 31 LUGLIO 1996) PRESIDIO NATURALE PER LA STERILIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI CONTAMINATI DA BATTERI, VIRUS, SPORE ECC. E INFESTATI DA ACARI, INSETTI ECC.. E AGENTE DISINFETTANTE E DISINFESTANTE NEL TRATTAMENTO DELL'ARIA E DELL'ACQUA CON CNSA DEL 27 OTTOBRE 2010.

PERCHE’ USARE UN GENERATORE DI OZONO

Pur essendo una soluzione molto recente, la sanificazione ad Ozono si è diffusa molto rapidamente per l’ottimo standard qualitativo della pulizia e della disinfezione e per i suoi molteplici vantaggi a livello economico e di utilizzo.

Batteri, spore, virus, fungine, muffe, germi, parassiti non sono visibili a occhio nudo e insidiano normalmente gli ambienti in cui viviamo e lavoriamo permettendo agli ambienti patogeni di proliferare. L’ozono ha la capacità di agire sia nell'aria che nell’acqua sterilizzando e igienizzando a fondo senza ausilio di prodotti chimici e pertanto agendo in modo assolutamente ecologico. Inoltre, essendo più pesante dell’aria, penetra facilmente nelle cavità, negli impianti di condizionamento, nei canali di areazione e in tutti gli scarichi distruggendo ogni microorganismo.

Gli ambienti vengono purificati ad ogni trattamento, ripristinando un ambiente incontaminato.

MODO D’USO

Ogni dispositivo è dotato di un timer analogico o digitale per l’impostazione della corretta durata del trattamento.

Quando il generatore è funzionante l’ambiente deve essere totalmente chiuso e isolato da persone e animali oltre che da materiale incompatibile con l’ozono rispettando rigorosamente le procedure di sicurezza.

Una volta concluso il trattamento è necessario arieggiare l’ambiente prima di soggiornarvi o attendere i tempi previsti affinchè l’ozono si trasformi in ossigeno.

VANTAGGI

  • Neutralizza i batteri inattiva i virus
  • Nessuna sostanza chimica utilizzata
  • Elimina i cattivi odori
  • Allontana gli insetti infestanti
  • Ecologico
  • Molto efficace
  • Sicuro 

 

 

 

20 Febbraio 2020

BANDO ISI-INAIL 2019

Il BANDO ISI-INAIL 2019, pubblicato in Gazzetta Ufficiale a dicembre 2019 e valevole per l'anno 2020, è un Contributo a Fondo Perduto che viene messo a disposizione ogni anno dall'INAIL per incentivare le imprese a realizzare progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Tra i destinatari del Bando INAIL ci sono anche le imprese che intendono eseguire la Bonifica dell'Amianto nei propri stabilimenti. La sua finalità è infatti quella di incentivare la rimozione di materiali contenenti Amianto dai luoghi di lavoro.

Il bando si riferisce alla procedura di gara che si svolgerà nel 2020 e prevede un contributo a Fondo Perduto pari al 65% con il limite massimo erogabile di 130.000 euro e un finanziamento minimo ammissibile pari a 5000 euro. 

La domanda deve essere presentata in modalità telematica sul sito WWW.INAIL.IT-ACCEDI AI SERVIZI ON LINE dove le imprese hanno a disposizione una procedura informatica per consentire loro di inserire la domanda di finanziamento con le modalità indicate negli AVVISI REGIONALI .

Le scadenze per la presentazione della domanda sono le seguenti:

  • Apertura della procedura informatica per la compilazione domanda
  • 16 aprile 2020
  • Chiusura della procedura informatica per la compilazione della domanda
  • 29 maggio 2020
  • Acquisizione codice identificativo per l'inoltro online
  • 05 giugno 2020
  • Comunicazione relativa alle date di inoltro online
  • 05 giugno 2020

Il click day è il giorno stabilito dall'INAIL e reso noto il 05 giugno, in cui tramite l'invio del codice identificativo sul portale INAIL saranno formulate le graduatorie degli aventi diritto al contributo previsto dal Bando Amianto. Essendo i soldi a disposizione limitati (per l'amianto circa  60.000.000 di euro) essi saranno assegnati a disponibilità, in ordine di ricevimento del Codice Identificativo precedentemente assegnato.

Solo le domande che verranno ammesse in tale graduatoria, potranno accedere alla fase successiva di compilazione e trasmissione della documentazione cartacea entro 30 giorni dalla data della formale comunicazione. Una volta verificata la documentazione e ricevuto via PEC l'esito positivo è previsto un tempo massimo di 365 giorni per eseguire, saldare e rendicontare i lavori eseguiti dalla data di ricezione della comunicazione con eventuale proroga su richiesta motivata dell'impresa/ente per un periodo non superiore ai sei mesi.

 

Questo sito web utilizza i cookies per assicurarti di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito web. + INFO